Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Comunicato Stampa - VI edizione della SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO

Data:

22/11/2021


Comunicato Stampa - VI edizione della SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO

COMUNICATO STAMPA

VI edizione della SETTIMANA DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO (Romania, 22-28 novembre 2021)

L’Ambasciata d’Italia, l’Ufficio ICE-Agenzia e l’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana per la Romania, organizzano la Sesta edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. La rassegna annuale è promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, dal Ministero della Pubblica Istruzione e dal Ministero dello Sviluppo Economico italiani allo scopo di promuovere all'estero l’eccellenza culinaria italiana e i valori che la ispirano.

Il tema dell’edizione 2021 è Tradizione e prospettive della cucina italiana: consapevolezza e valorizzazione della sostenibilità alimentare. La questione è di grande attualità. Se ne è discusso al Food Systems Summit 2021 ai margini dell’Assemblea Generale dell’ONU, cui hanno contribuito i lavori del Pre-summit di Roma dello scorso luglio. Il cibo sostenibile è sano, rispetta ecosistemi e biodiversità, valorizza il territorio di provenienza ed è economicamente accessibile a tutti. La promozione dell’agricoltura e del cibo sostenibile può contribuire all’attuazione di numerosi obiettivi dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Oltre al tema della sostenibilità, la Settimana della Cucina Italiana stimolerà la riflessione su una serie di questioni connesse: la promozione della Dieta Mediterranea quale modello di alimentazione equilibrato e sano; l’inadeguatezza di sistemi di etichettatura basati sul solo valore nutrizionale complessivo degli alimenti e che non poggiano su adeguate basi scientifiche; la tutela e la valorizzazione dei prodotti a denominazione protetta e controllata, unitamente ad azioni di contrasto alla contraffazione alimentare; il legame tra biodiversità e varietà alimentare; la promozione del vino italiano; la valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche delle Regioni e dei territori italiani, anche a fini turistici.

I consumatori romeni divengono sempre più attenti e sensibili anche in tema di alimentazione: la cucina italiana è una delle più apprezzate ed è anche una di quelle a cui essi si sentono più vicini associando ai prodotti Made in Italy un concetto di altissima qualità e il buon vivere. L’Italia è il secondo partner commerciale per la Romania. Gli scambi di prodotti agricoli e agroalimentari negli ultimi anni hanno presentato un andamento tra i più dinamici. Il 2021 è iniziato sotto buoni auspici con la ripresa dell’attività del settore horeca, che ha incentivato le esportazioni italiane di prodotti agroalimentari: +21,6% nel gennaio-giugno 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020. La maggior parte delle categorie ha registrato crescite importanti: caffè e tè + 40,8%, olio di oliva +30,2%, prodotti ittici e conserve pesce +21,6%, prodotti a base di carne +13,9%, prodotti dolciari +28,3, pasta +17%, prodotti lattiero-caseari + 20,3%, ortofrutticoli 11,9%, vini fermi imbottigliati +79%, spumanti +65,6%, alcool e prodotti alcolici +93,4%.

I principali prodotti italiani importati in Romania sono: prodotti ortofrutticoli, carni, prodotti dolciari, caffè, olio, prodotti ittici, succhi concentrati di agrumi, riso e vini. I dati statistici del primo semestre 2021 mostrano un buon posizionamento dell’Italia tra i principali fornitori della Romania: ad esempio, è infatti il primo Paese fornitore di olio d’oliva, pomodori preparati e conservati, pasta e vini di uve fresche, e secondo per caffè e carni fresche, affumicate e insaccati. Il ricco programma di eventi della Settimana della Cucina Italiana in Romania è aperto a tutte le categorie degli interlocutori potenzialmente interessati al cibo e al “Vivere all’italiana”: professionisti del settore ho.re.ca., consumatori, food lovers, amanti delle nuove tendenze. L’obiettivo è coinvolgere tutto il Paese.

Le attività: un webinar, realizzato in collaborazione con Metro, con protagonisti gli chef italiani Antonio e Michael Passarelli, che presenteranno quattro ricette dedicate ai professionisti del settore; la “realizzazione” di ricette italiane ad opera di due famose food blogger romene; attività di promozione presso i più importanti ristoranti italiani della Romania, che include la consegna di un “aperitivo italiano” alla migliore clientela; un seminario online sulla nutrizione, organizzato in collaborazione con Federalimentare, con focus sull’etichettatura fronte pacco, sulla quale Italia e Romania hanno posizioni simili in ambito UE; lo streaming di tre documentari della serie “Food Markets”, dedicati rispettivamente ai mercati alimentari di Palermo, Firenze e Torino; la pubblicazione della video-ricetta di un dolce esclusivo realizzata da uno chef selezionato dall’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto. Inoltre, diversi operatori italiani nelle principali città romene, sotto il coordinamento della Camera di Commercio Italiana per la Romania, aderiranno con menu ad hoc e sconti per la clientela per tutta la settimana dedicata alla rassegna.

Nelle parole dell’Ambasciatore d’Italia a Bucarest, Alfredo Durante Mangoni, “dieta mediterranea, prodotti alimentari e cucina della tradizione sono un patrimonio italiano a cui da varie parti del mondo si guarda con ammirazione”. E ancora: “in una stagione così complessa come quella che stiamo vivendo, ripartire dalla sicurezza alimentare e dalla sostenibilità rappresenta un punto di svolta fondamentale”. La pandemia ha inciso sulle nostre abitudini: mangiare in maniera salutare rappresenta un modo di prendersi cura di se stessi e della propria famiglia e crea gioia di vivere. Vivi all’Italiana!

Per maggiori informazioni sugli appuntamenti in Romania della Settimana della Cucina Italiana nel mondo, visita i canali social dell’Ambasciata d’Italia, di ICE-Agenzia e dell’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest.

 


1168