Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Ricevimento di benvenuto per la nuova Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura

Alla presenza del Ministro della Cultura Lucian Romaşcanu, del Consigliere Presidenziale Sergiu Nistor e di numerosi esponenti del mondo artistico, culturale e istituzionale di Bucarest, si è svolto presso la Residenza d’Italia un ricevimento di benvenuto per la nuova Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, Laura Napolitano.

L’Ambasciatore d’Italia Alfredo Durante Mangoni ha salutato l’arrivo della dott.ssa Napolitano, che imprime nuovo slancio alle relazioni culturali tra i due Paesi e rilancia la valorizzazione della lingua e della cultura italiana in Romania. L’Istituto di Cultura potrà lavorare con rinnovato vigore – così l’Ambasciatore – per offrire al pubblico romeno, anche fuori Bucarest, il meglio della produzione letteraria, artistica, cinematografica e musicale italiana, coinvolgendo tutte le fasce d’età, in particolare i più giovani, in iniziative che restituiscano un’immagine dell’Italia autentica, non stereotipata e al passo con le trasformazioni che entrambi i Paesi stanno attraversando.

Laura Napolitano si è laureata in lingue e letterature straniere all’Istituto Universitario Orientale di Napoli. Entrata al Ministero degli Affari Esteri nel 2008 come Addetta alla promozione culturale, si è occupata fino al 2011 di cooperazione culturale e scientifica e scambio di ricercatori. Dal 2011 al 2017 ha svolto le funzioni di Addetta culturale all’Istituto Italiano di Cultura a Parigi, gestendo il coordinamento delle manifestazioni culturali e il settore corsi di lingua. Dal novembre 2017 è stata Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura a Melbourne, dove è rimasta fino al dicembre 2020. Da allora si è occupata al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale della gestione amministrativa e contabile della rete degli Istituti Italiani di Cultura. Dal 22 agosto 2022 dirige l’Istituto Italiano di Cultura “Vito Grasso” di Bucarest.