Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Chiusura della seconda edizione del “Festival di lettura giovane”

La seconda edizione del “Festival di lettura giovane” si è conclusa lunedi 29 aprile 2013 con la premiazione, svoltasi nella sede dell’Istituto Italiano di Cultura “Vito Grasso” di Bucarest. Alla cerimonia hanno preso parte, oltre il comitato di organizzazione del Festival, il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura “Vito Grasso”, i rappresentati della banca Intesa Sanpaolo – sponsor del Festival, lettori italiani, docenti di italiano e studenti dei licei bilingui coinvolti nel progetto (alcuni venuti apposta da Timişoara e da Cluj).

Il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura, prof. Ezio Peraro, ha evidenziato il significato del Festival nel contesto delle strategie per la diffusione della cultura italiana in Romania e per una più approfondita conoscenza e una migliore collaborazione fra i giovani dei due paesi. Il rappresentante della banca-sponsor, dott. Stefano Burani, ha trasmesso il saluto e gli auguri di buon proseguimento del progetto, gli organizzatori hanno presentato la genesi, la struttura e la finalità del progetto, descrivendo i progressi quantitativi e qualitativi registrati dalla prima alla seconda edizione  del Festival e tracciando il disegno della terza edizione, del 2014. Il successo crescente del festival giustifica la speranza e gli sforzi di: allargare il progetto  anche alle università romene dove si studia l’italiano (per realizzare una più stretta e tanto augurabile collaborazione fra licei e universita); tentare di offrire ai primi tre classificati (non solo al primo) una gita culturale in Italia (per dare più motivazioni ai partecipanti); valutare meglio e in tempo i libri proposti ai ragazzi; estendere gli incontri degli organizzatori e degli scrittori italiani con gli studenti a tutti i licei e le facoltà partecipanti al progetto; rendere più efficace la comunicazione fra i partecipanti e rendere più visibile, al grande pubblico, il progetto e i suoi effetti tramite internet, facebook, blog.

In seguito, la giuria del concorso, formata da: prof. Smaranda Elian (Università di Bucarest), prof. Oana Bosca-Malin (Universita di Bucarest) e lo scrittore italiano Andrea Bajani, ha annunciato i nomi dei premiati e il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura ha diretto la cerimonia di premiazione e di consegna dei diplomi di partecipazione e di eccellenza. Inoltre è stata letta pubblicamente la cordiale e generosa lettera di congratulazioni e di solidarietà mandata dallo scrittore Andrea Bajani.

Sui 31 partecipanti dei cinque licei bilingui (romeno-italiano della Romania) a questa seconda edizione del Festival di Lettura Giovane i premi sono andati a:

– PRIMO PREMIO:  Adelina Stoian (Liceul “Jean Louis Calderon” – Timişoara)
– SECONDO PREMIO: Morar Anda (Colegiul Naţional “George Bariţiu” – Cluj- Napoca)
– TERZO PREMIO: Culcsar Gabriel (Colegiul Naţional “George Bariţiu” – Cluj- Napoca)
– MENZIONE SPECIALE: Mariş Alina (Liceul “Dante Alighieri” – Bucureşti)
– MENZIONE SPECIALE: Crăciun Maria Cristina (Liceul “Dante Alighieri” – Bucureşti)
MENZIONE SPECIALE, aggiunta alla cinquina:  Rita Puccini (Colegiul Naţional “George Bariţiu Cluj- Napoca) per aver presentato due elaborati.

I premi consistono in: il primo premio consiste in libri e in un soggiorno di 5 giorni a Torino con la partecipazione al Salone del Libro di Torino nella sezione “Giovani” guidata dallo scrittore Andrea Bajani; gli altri premi e le menzioni consistono in libri offerti dall’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest.

La cerimonia si è conclusa con un momento di cordiale convivialità offerto dal Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura.

La giuria e, in genere, gli organizzatori del Festival (Smaranda Elian, Oana Boşca-Mălin, Giancarlo Repetto, Federico Collesei, Cristina Tănase) considerano questa seconda edizione un successo incoraggiante e, pronti ad accingersi al lavoro per quella successiva, esprimono sentiti ringraziamenti a tutti quelli che hanno appoggiato spiritualmente e materialmente questa iniziativa: l’Istituto Italiano di Cultura “Vito Grasso”, l’Ambasciata d’Italia in Romania, la Banca Intesa Sanpaolo, i 5 licei bilingui – i loro presidi, i loro docenti e, ovviamente, i loro studenti.